Gymnastics Piedi Nudi Pratiche olistiche

Piedi nudi, benessere o tendenza?

zzz-evidenza

piedi-fiori

♫ Pezzi di vetro, Francesco De Gregori

 “L’idealista cammina in punta di piedi, il materialista sui talloni” _ Malcolm de Chazal

 

<Ma perché dovrei andare a piedi scalzi con tutte le scarpe che ho?>  dice l’adulto, mentre il bambino,  <perché  co-stringi i miei bei piedini in quegli strumenti di tortura che oltretutto mi fanno anche camminare male?>

Ecco è solo una questione di punti di vista dove il saggio, più vicino allo spirito naturale delle cose ma allo stesso tempo meno forte, deve subire le “angherie” dello stolto, corrotto dalle convenzioni,  dalle consuetudini e perché no dagli obblighi derivanti dal mercato e dal consumo!

Stolto, non per offendere, ma perché in balia di pratiche ormai totalmente innaturali e forzate ed in quanto tali paradossalmente nocive, nonostante  rifilate  invece come rimedi ai mali dell’uomo!

Stolto anche per la visione manichea delle cose dove ad esempio, se decide di mettere le scarpe per evitare il rischio di tagli ai piedi da pezzi di vetro, da chiodi o infezioni batteriche tramite gli stessi, non significa che le scarpe le debba “obbligatoriamente” calzare anche quando non necessario, ad esempio per conservare un etichetta, per sfoggiare una “mise”, e per comunque ed in ogni caso rispettare un cerimoniale od un codice.

tacchialti

Ed allora togliamoci le scarpe ogni qualvolta possibile e permettiamo a quel capolavoro di ingegneria che sono i nostri piedi di esprimere tutte le loro migliori qualità.

Prima di tutto il senso di benessere fine a se stesso dello stare a piedi nudi è sicuramente impagabile, e poi operando senza “gabbie”, dopo l’eventuale disintossicazione da scarpe, i piedi riprendono le loro naturali funzioni :

  • l’ammortizzazione del peso sulla camminata con il terzo anteriore anziché col tallone, come si fa al contrario con le scarpe andando a gravare sui dischetti intervertebrali, e quindi concausa delle classiche infiammazioni di lombi e sciatici
  • l’attivazione della pompa linfo-venosa che permette la risalita dei fluidi verso l’alto, e soprattutto della linfa che non ha un cuore per il suo pompaggio
  • lo scaricamento “a terra” dell’energia elettrostatica ed elettromagnetica che transita nel nostro corpo  durante tutta una giornata fatta di contatti con plastiche,  gomme isolanti e cavi in tensione
  • lo scambio di elettroni dalla terra all’organismo per il riequilibro di quei radicali liberi in eccesso che il nostro sistema tampone interno non riesce ad arginare
  • ed in ultimo, per i più sensibili allo spirito new age, allo scambio di energie sottili e profonde, al radicamento (grounding, come dicono gli anglosassoni e soprattutto Alexander Lowen)  alla terra madre, al risveglio dell’armonia tra umano e terra e quindi al suo rientro in uno spirito più primario e naturale

tendini

Facendo poi un riferimento alla ginnastica olistica, mio “pallino” da un po’ di tempo, posso assicurare che già valendo doppio quando svolta al chiuso ma senza scarpe (agevola un favorevole atteggiamento posturale del nostro equilibrio), varrà almeno “4” se fatta all’aperto a contatto diretto con l’erba o la terra per i motivi sopra elencati.

Ora non voglio incitare nessuno ad andare a distruggersi i piedi in modo sconsiderato; come ogni cosa del nostro organismo ci vuole gradualità, pazienza ed una adeguata transizione, ma voglio dire che, se all’inizio sembrerà faticoso abituarsi alle punzecchiatine delle pietroline, a stare con gli occhi a radar temendo il peggior vetro di bottiglia, a vedersi i piedi “polverosi”, dopo un po’ di allenamento il benessere, la sicurezza, la forza connessa alla morbidezza, l’assenza di funghi e la salubrità saranno il miglior testimone di tal “cambiamento”.

L’invito conclusivo è quello di provare a “non privarsi” di una pratica semplice, banale, gratuita e naturale che sicuramente porterà grandi benefici sia sul piano fisico che quello nervoso!

 

battigia

“I piedi dei bambini si muovono come le zampe di un’anatra si muovono nell’acqua, in una sorta di fluido moto ondoso” – Alexander Lowen

Finale  ♫  Neal Hefti – Mom Arrives for Dinner

Libro consigliato : Earthing _ A piedi nudi

 

 

Autore articolo

biglietto2015Biglietto visita 2014000

Declaratoria obbligatoria per la legge italiana : quanto scritto in questo articolo è il sunto di opinioni, idee, esperienze e simili in linea con la Costituzione Italiana che sancisce la libertà di pensiero e di espressione delle proprie idee. I suddetti non sono consigli medici o terapie, per le quali, per legge, è necessario un medico laureato, abilitato e iscritto all’albo. Tali scritti non si pongono in conflitto con la medicina ufficiale ma anzi la integrano nella promozione del benessere globale della persona.

Si ringrazia www.anesidora.it come depositario della prima pubblicazione dell’articolo

 

Powered by: Wordpress