SCHIENA

SCOLIOSI

Scoliosi

♫♫Ho visto Nina volare – Fabrizio De Andrè♫♫

E un uomo che si ritiene un dio, sente un brivido molto umano risalire lungo la schiena. (Delios)

La scoliosi seppur conosciuta già dai tempi antichi ancora oggi non ha trovato risposte nelle cause originanti almeno per la maggioranza assoluta dei casi, mentre per i restanti “percentualmente pochi” le evidenze patologiche risultano sempre sufficientemente palesi.

Non conoscendo l’elemento scatenante della scoliosi idiopatica è ovvio che non si possa né prevenire né curare con efficacia. Il corsetto e l’intervento chirurgico in proporzione al grado patologico  sono le risorse della medicina convenzionale che, seppur riconoscendo ampiamente fallimentari le vecchie convinzioni dell’”obbligo militare a stare dritti” o “fare nuoto”, continua a ritenere inutili la pratiche cosiddette ”alternative o complementari” che però dal loro canto non comportano “mai” alcun rischio collaterale.

Ricercatori intelligenti, partendo dal sistema convenzionale  hanno sviluppato pratiche alternative, incruente, multifattoriali e super-collaudate tali da dare risultati molto incoraggianti per le varie sofferenze della schiena, “scoliosi misteriosa” compresa, al punto che ritengo scellerato non ricorrervi almeno come primo tentativo visto che non comportano alcun rischio, prima di “ingessarsi” in un busto o farsi una ”gita” in sala operatoria. (Still, Palmer, Dicke, Rolf, Mezieres, Souschard, Sutherland, Dorn, Discipline Orientali…)

 

Visita convenzionale ed esame radiografico vanno sicuramente eseguiti prioritariamente per una diagnosi di riferimento, ma già una visione della postura da ”diritta” a “chinata” permette una idea molto valida sullo stato effettivo della scoliosi e se, da “atteggiamento” o “strutturale”.

Come in tutta la Filosofia Naturalista della Salute e del Benessere dove la persona è il fulcro della propria condotta di vita senza l’illusoria facoltà di delega a terzi, la questione scoliosi vi si inquadra a pieno titolo. Seppur si riscontri una patologia idiopatica, di carattere genetico e/o familiare, irreversibile e quanto di più terroristico si possa diagnosticare, la qualità della vita della assoluta maggioranza degli interessati può essere sicuramente ottima e migliorabile giorno per giorno a condizione che gli stessi si dedichino con cura ed amore al proprio corpo nella sua interezza. Qui di seguito in modo schematico anche se non sufficientemente esplicativo per necessità di sintesi, alcuni suggerimenti dettati dall’esperienza personale di pratica e di studio :

Attività quotidiana in casa (10 minuti totali) :

  • Respirazione addominale in retroversione del bacino (5minuti)
  • 3 Ovetti con respirazione addominale associata di 60 secondi ognuno
  • 2 minuti (1+1 a partire da 15 secondi alla volta e allungando progressivamente) di Side-plank  isometrica sul lato convesso della curva scoliotica (studio Columbia University di New York)

Attività a cadenza settimanale :

  • Massaggi muscolari Decontratturanti e su Fascia connettivale come da articolo http://www.giuseppefadda.it/wordpress/il-ciclo-periodico-di-massaggio-profondo/
  • Sedute di stretching decompensato in metodo Mezieres, Souschard, Rolf, Raggi, ecc…
  • Agopressione, stimolazione massiva sul lettino in sedute lunghe associate a stretching non compensato (sollecitazione massiccia alla circolazione di sangue, linfa ed endorfine per nutrizione, ossigenazione e rigenerazione di cellule e tessuti)

 

♫♫Sia – Straight For The Knife♫♫ 

 

“- Dottore, quelle pillole che mi ha dato per il mal di schiena mi sa che non mi hanno fatto niente.
– Neanche a me, ma io non mi lamento mica.”
                                                              
(Dal film: HOLLYWOOD, VERMONT)                               

 

 

 

 

 

 

Declaratoria obbligatoria per la legge italiana : quanto scritto in questo articolo è il sunto di opinioni, idee, esperienze e simili in linea con la Costituzione Italiana che sancisce la libertà di pensiero e di espressione delle proprie idee. I suddetti non sono consigli medici o terapie, per le quali, per legge, è necessario un medico laureato, abilitato e iscritto all’albo. Tali scritti non si pongono in conflitto con la medicina ufficiale ma anzi la integrano nella promozione del benessere globale della persona.

 

 

Giuseppe Fadda, perito elettrotecnico e tecnico di azienda elettrica per più di un trentennio, lascia il lavoro principale per dedicarsi a tempo pieno ad una passione nata fin dai tempi della scuola superiore, fondata nella ricerca della salute e del benessere come principi faro di una vita piacevole e consapevole, senza confidare nei principi della medicina chimica. Corsi, seminari ed una variegata moltitudine di libri  costituiscono la sua formazione uniti ad uno spirito di ricerca e curiosità mai sopiti e ad una esperienza sul campo di lunga data e sempre in corso.

Comments are closed.

Powered by: Wordpress