Virus 10 – La moneta o la vita?

La vita ai tempi della dittatura sanitaria

2021, la moneta o la vita?

♫♫Let The Sunshine In (1969)♫♫

La costituzione italiana all’articolo 3 recita: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Secondo Voi è questo che sta avvenendo???  

Oggi siamo alla totale distruzione di questi principi, ma attenzione tutto ciò non inizia nel 2020, è un piano partito da tempo che a piccoli passi si sta realizzando. Nel 1981 il ministro del tesoro Andreatta (rinnegando i suoi originari principi) decide di concerto col relativo presidente Carlo Azeglio Ciampi, di rendere la Banca d’Italia indipendente dal Ministero. Da quel momento pertanto la banca decide in autonomia la politica monetaria ed al ministero resta quella fiscale.

Un certo MAYER AMSCHEL ROTHSCHILD (1774-1812):  “Permettetemi di emettere e controllare la moneta di una nazione e non mi importa chi fa le sue leggi.”

Invece ABRAHAM LINCOLN, 16º Presidente degli Stati Uniti d’America 1809 – 1865 dice:

„Il Governo dovrebbe creare, emettere e far circolare tutta la valuta ed il credito necessario per soddisfare il potere di vendita del Governo ed il potere d’acquisto dei Cittadini consumatori. Il privilegio di creare ed emettere moneta non è solo la suprema prerogativa del Governo, ma è anche la sua più grande opportunità creativa. Con l’adozione di questi princìpi, ai Contribuenti saranno risparmiate enormi quantità di interessi. Il denaro cesserà di essere il padrone e diventerà il servitore dell’Umanità.“ —>  (ammazzato!)

Piccoli memo : John Kennedy che vuole avocare al governo la federal reserve: assassinato; Aldo Moro che vuol riprendere la totale sovranità monetaria dalle banche: assassinato; leader nordafricani e mediorientali che intendono creare moneta indipendente: assassinati; non stona ricordare una frase di altro assassinato, Martin Luther King:” i media vi faranno odiare le vittime ed amare i carnefici”

Fotografando la realtà attuale, Gianni Lannes giornalista italiano:  

Oggi che neppure le riserve auree garantiscono più la moneta, al punto che è sparita la scritta pagabili al portatore, è rimasto quel diritto feudale di signoraggio i cui proventi vengono incamerati dalla Banca d’Italia, che non appartiene più allo Stato ma a banche private ed altri soggetti che incassano tali introiti”. “I cittadini quindi continuano a pagare quella che è diventata una sorta di tassa agli istituti di credito, in violazione dello stesso statuto della Banca d’Italia che all’articolo 3, comma 3, parla chiaro: la banca appartiene allo Stato.“ — 

Attualmente siamo nell’occhio dell’apocalisse, uno stato di devastazione sociale che mai avremmo immaginato, ma che una banda di loschi figuri ne programmava già da tempo la realizzazione.

La “tessera” per entrare nei luoghi di vita sociale è l’abdicazione totale al sovrano, è la cessione definitiva della volontà di evolversi, la sconfitta dell’aspirante umano alla sua realizzazione.

Pertanto questa è la grande opportunità, la madre di tutte le battaglie, è il momento perfetto di rifiutare questa ignobile coercizione e con esso azzerare il vecchio e, rifondare un nuovo modello sociale indirizzato alla crescita dell’anima e della conoscenza, in senso solidale e non più competitivo, nel senso dell’armonia e non della  discriminazione.

Noi tutti abbiamo il dovere di abbattere questa “dittatura delle multinazionali”, che ci soffoca tramite le politiche monetarie e quelle pseudo-sanitarie: i giovani e gli anziani! I primi che hanno tutto il futuro da costruire! I secondi per riscattarsi dal disonore dall’aver permesso lo sviluppo di un mondo fasullo pieno di lustrini, il paese dei balocchi, dove ben sapete, che brutta fine i bambini fanno.

Ribelliamoci, bruciamo le vecchie regole, e nel rispetto della Costituzione Italiana del ’48 facciamone di nuove, piene di amore, gioia, concordia e fratellanza.

Fissando bene in mente i guadagni stratosferici delle filantropiche pfizer, moderna, astrazeneca e johnson, voglio concludere con una frase di Albert Sabin microbiologo polacco 1906–1993, che rifiutò di brevettare il suo vaccino antipolio per non farci lucrare sopra le case farmaceutiche:

„Non voglio che il mio contributo al benessere dell’umanità sia pagato con della moneta.“ — 

©giuseppefadda, 11dic2021,intervento pubblico E.Garibaldi, Sassari, contro la Dittatura Sanitaria

♫♫Bill Withers - Ain't No Sunshine♫♫

***si ringraziano gli autori delle vignette per la pubblicazione in questo articolo***

***Si ringrazia tutto il gruppo spontaneo “Sassari Libertà & Resistenza” ed in particolare Fabiana Kriegerin per la regia (vedere video https://www.youtube.com/watch?v=H8Vt9XzFBes&t=3s)***

 
Declaratoria obbligatoria per la legge italiana : quanto scritto in questo articolo è il sunto di opinioni, idee, esperienze e simili in linea con la Costituzione Italiana che sancisce la libertà di pensiero e di espressione delle proprie idee. I suddetti non sono consigli medici o terapie, per le quali, per legge, è necessario un medico laureato, abilitato e iscritto all’albo. Tali scritti non si pongono in conflitto con la medicina ufficiale ma anzi la integrano nella promozione del benessere globale della persona.

 

 Giuseppe Fadda, perito elettrotecnico e tecnico di azienda elettrica per più di un trentennio, lascia il lavoro principale per dedicarsi a tempo pieno ad una passione nata fin dai tempi della scuola superiore, fondata nella ricerca della salute e del benessere come principi faro di una vita piacevole e consapevole, senza confidare nei principi della medicina chimica. Corsi, seminari ed una variegata moltitudine di libri  costituiscono la sua formazione uniti ad uno spirito di ricerca e curiosità mai sopiti e ad una esperienza sul campo di lunga data e sempre in corso.